Areashiatsu

 



 

 

Decorso e funzione dei  meridiani principali

 

 

 

 

 

 
Home Page Contatti Link,Altri Link,Link Directory

 

Shen

E difficile tradurre con termini occidentali il concetto di shen. Forse il termine più appropriato sarebbe Spirito o coscienza. Gli shen sono entità consapevoli presenti nell'universo che sottostanno alla consapevolezza della vita stessa. Quella forma spirituale riconosciuta nello splendore degli occhi di una persona. E associato alla capacità di pensare, di scegliere e di compiere scelte appropriate.

Lo Shen è il principio della vita ciò che fa si che la materia divenga un essere vivente, si radicano in seguito nel cuore dell'essere vivente guidando il corso della sua vita. Lo shen prende forma nell'individuo attraverso determinati aspetti psichici come Equanimità, Ideazione, Volontà, Razionalità e Decisione. Ognuno di questi aspetti ha sede in uno dei 5 organi, ma tutti fanno capo al cuore che li unifica e li armonizza.

LO SHEN DI CUORE (SHEN MING): Lo Shen di cuore consiste nell'armonizzazione di tutti gli aspetti psichici dell'individuo, caratterizzati da un loro particolarità psichica. Per portare equilibrio nel comportamento individuale.

Se osserviamo l'ideogramma cinese che serve per rappresentare il Cuore, noteremo che assomiglia ad una ciotola vuota, appositamente preparata per accogliere gli Shen che giungono dal cielo per gestire la coscienza umana. Se per qualche motivo questa ciotola risulta essere piena di sentimenti "siano essi di felicità o di tristezza" che ne occupano la capienza. Gli Shen non potranno soggiornarvi, non potendo eseguire la loro opera di supervisore; abbandonando così l'individuo alle pulsioni istintive delle emozioni umane senza nessun controllo. Per questo è importante mantenere un cuore vuoto. Ovvero vivere tutte le esperienze siano esse buone o cattive facendo si che il cuore sia un luogo di passaggio, dove ogni emozione arriva, risiede per poter essere lasciata andare al suo corso liberando la casa degli Shen "il cuore". Altrimenti questi non potranno risiedere nell'individuo agendo in tal modo in maniera sconsiderata.

LO SHEN DEI RENI (ZHI): I Reni sono la sede dello Shen Zhi, ovvero la sede della volontà. Consiste nella capacità di focalizzarsi su gli obbiettivi e di portarli a compimento.  La sua patologia psichica e fisica più diffusa è la Paura. Paura di agire, Paura di fare, Paura di muoversi. Non è un caso che quando si ha paura sia il corpo che la mente tendono a bloccarsi, perché non sanno cosa fare e come agire.

LO SHEN DELLA MILZA (YI): lo Shen della Milza "Shen Yi" è legato alla razionalità e alla capacità di dare forma coerente ad una idea, a un pensiero attraverso l'azione e le parole. La strutturazione logica di un progetto preventivamente ideato. Questa capacità di organizzazione e concentrazione di un pensiero è legato allo Shen di Milza. Se ad esempio so di dover affrontare una giornata di lavoro impegnativa, dovrò preventivamente organizzarmi affinché tutto il mio operato si svolga seguendo una logica di organizzazione costruttiva ottimizzando al meglio tempo e danaro a mia disposizione. Tale peculiarità di pensiero è affidato allo Shen Yi della Milza.

Tuttavia se questa capacità di organizzazione si dissocia dalla coscienza consapevole dello Shen di Cuore (che unifica e organizza tutti gli Shen legati agli Organi), allora il mio pensiero diverrà ossessione trasformandosi in mania comportamentali al limite della razionalità qualora si verifichi un deficit o un eccesso nel Meridiano di Milza.

Vedi ad esempio le persone che hanno manie di controllo del mondo circostante intorno a loro, come vedere sopramobili, libri e oggetti di casa posizionati in una data maniera secondo il loro punto di vista, altrimenti sperimentano un malessere personale. (Per eccesso). Oppure persone che hanno uno scarso rapporto con la realtà circostante, vivendo perennemente nell'astrazione dei loro pensieri senza concretizzare mai nulla. (Per deficit).

LO SHEN DEL FEGATO (HUN): Gli Hun sono legati all'Organo di Fegato e rappresentano l'essenza dell'animo umano; Ideazione, previsione, inventiva, creatività, fantasia, e intuito. Tutte qualità che permettono l'evoluzione individuale. Non a caso la natura estroversa dello Hun viene realizzata durante la fase onirica della persona, quando proprio grazie ai nostri sogni compiamo dei viaggi fantastici capaci di oltrepassare la realtà razionale dello spazio tempo.

La natura degli Hun è di salire verso l'alto e di essere proiettati nel futuro; tuttavia questa loro particolarità necessita di un equilibrio verso l'interno, altrimenti la persona correrebbe il rischio di impazzire. Per questo che in M.T.C. la figura dello Hun viene rappresentata  da un aquilone che vola in alto nel cielo, ma trattenuto al terreno da un semplice filo. Questo radicamento al terreno viene fornito dal sangue stesso (l'aspetto più Yin dell'energia). Immagazzinato appunto dall'Organo di Fegato.

LO SHEN DEL POLMONE (PO): Il Po ha sede nell'Organo di Polmone. La sua caratteristica consiste nell' essere il contenitore genetico di tutte le memorie istintive dell'essere umano, sia che siano volontarie o involontarie. Ad esempio la pulsazione cardiaca, o l'atto stesso di respirare, non siamo noi che volontariamente decidiamo di farlo, ma ciò avviene naturalmente indipendentemente dalla nostra volontà. Questa capacità innata legata all'istinto di sopravvivenza  in M.T.C. è associata al Po del Polmone che come sua peculiarità ha il compito di raccogliere la memoria genetica della specie e di tramandarla da una generazione all'altra.

Questo non avviene solo per i movimenti istintivi o involontari ma anche attraverso la pratica costante ripetitiva di un movimento; sia che riguardi un atteggiamento psichico che fisico. Come ad esempio l'andare in bicicletta, dove attraverso la continua ripetizione del movimento il corpo recepisce come stare in equilibrio sulla sella muovendo con moto circolare i pedali senza che la mente interferisca razionalmente.

Il Po ha una grandissima forza di inerzia nella sua registrazione e ripetizione di tutti gli automatismi. Sia che questi siano legati al fisico ma sopratutto a livello psicologico. "Portare dentro e fuori attraverso il respiro". Per esempio la reazione istintiva davanti ad un individuo che ci insulta. sarà determinata in virtù di quelle che sono state le nostre esperienze passate. Per esempio un individuo cresciuto in un clima aggressivo e violento avrà in automatico una reazione aggressiva e violenta, senza pensare che potrebbero esserci infinite possibilità di azione nei confronti dell'ambiente circostante; ma reagendo all'insulto come se la sua reazione violenta fosse l'unica possibile e immaginabile.

Torna in cima alla pagina

Marco Milione